Consigli per la preparazione del trasloco

I nostri consigli per la preparazione del trasloco

Il trasloco è certamente una fonte di stress, ma seguendo alcuni semplici consigli sarà possibile minimizzare i disagi e soprattutto i possibili danni. Il nostro KIT FRAGILI vi aiuterà a prepararvi per tempo: basterà seguire attentamente quanto dettagliato di seguito. Questi consigli sono il frutto della nostra esperienza pluridecennale nel settore del trasloco ed è per noi un piacere dividerli con voi.

Come prima cosa, consultate la check-list che abbiamo preparato riguardante tutta la parte burocratica che deve precedere il trasloco stesso (è l’ultima parte di questo documento). Risolvere per tempo ogni intoppo relativo ad utenze, scuola dei figli, documenti e altro vi permetterà di affrontare con calma la parte di preparazione del trasloco, utilizzando al meglio quanto contenuto nel kit da voi acquistato.

Un pensiero ai vostri piccoli: il trasloco può risultare stressante soprattutto per loro. Quindi vi consigliamo di coinvolgerli al minimo e chiedere aiuto ai nonni o alla baby sitter.
Prima di iniziare, ricordate che è fondamentale scrivere su ogni scatola (usando il pennarello fornito nel kit) il contenuto, possibilmente indicando la stanza a cui appartengono. Evidenziate sempre le scatole che contengono fragili chiudendole con l’apposito nastro adesivo.

Come inscatolare gli oggetti nel trasloco

Usate le scatole piccole per il libri e per gli oggetti fragili. Usate invece le scatole grandi per la biancheria e per oggetti ingombranti, per esempio pentolame. Se le scatole sono munite di maniglie laterali, osservatene la posizione quando vi apprestate a comporle. Chiudete il fondo della scatola con il nastro posizionandolo a croce, per dare più portanza alla scatola stessa. Inoltre, osservate il criterio del peso per disporre gli oggetti all’interno della scatola: i più pesanti andranno sul fondo e i più leggeri in alto (segnando con il pennarello “ALTO” sulla scatola, una volta chiusa).

Da dove cominciare

Iniziate ad inscatolare ciò che utilizzate di meno. Per quanto riguarda il vestiario, inscatolate prima i vestiti invernali se il trasloco è in estate e viceversa. Ricordate di non stipare eccessivamente le scatole, anche perché dopo andranno spostate. Il nostro consiglio è di non superare i 20 kg a scatola e la vostra schiena ci ringrazierà! Cercate comunque di non lasciare troppi vuoti all’interno. Gli oggetti che “ballano” nella scatola possono danneggiarsi più facilmente.

Come traslocare piatti e bicchieri

Per quanto riguarda i piatti e i bicchieri, usate le pratiche e sicure buste in pluriboll da noi fornite. Il vostro kit ne contiene 48 cm28x22 per i bicchieri e 48 cm30x30 per i piatti. Collocate i piatti di taglio e non uno sopra l’altro. Utilizzate la carta camoscina fornita (100 fogli) per fare spessore e imballare. Possono essere usati anche asciugamani, maglioni o cuscini per imballare soprammobili, abat-jour e oggetti fragili in genere.

La scatola in evidenza

Infine la scatola da tenere sempre in evidenza: quella che conterrà gli oggetti di prima necessità, quali ad esempio cambi di biancheria, sapone, attrezzi, oggetti per pronto soccorso e anche qualche genere di conforto per l’eventuale viaggio.

ATTENZIONE: le scatole dovranno essere pronte il giorno del trasloco!

Le questioni burocratica del trasloco

Per richiedere o variare molti di questi servizi è necessaria l’autocertificazione, per la quale è indispensabile un documento d’identità valido: ricordarsi quindi di averlo sempre con sé, recandosi in ognuno di questi uffici.

ACQUA

Avvisate con almeno 3 settimane di anticipo. Se vivete in condominio, potrebbe non essere necessaria la disdetta se l’acqua è condominiale. Per contratti privati, invece, recatevi al vostro comune e compilate l’apposito modulo per il trapasso. Per la casa che lasciate dovete dare disdetta solo se il nuovo inquilino non farà il trapasso entro 60 gg.

ANAGRAFE

Il cambio di residenza è necessario anche se si cambia soltanto il numero civico.

GAS/ELETTRICITA’

Avvisate con almeno 3 settimane di anticipo. Nel caso in cui subentriate in un contratto del precedente proprietario, occorrerà presentarsi con la sua disdetta. In caso di nuovo contratto, consigliamo di portare una bolletta o un contratto per un altro servizio della nuova casa.

MEDICO

Ci si deve recare presso l’Azienda o l’Unità Sanitaria Locale e scegliere un medico in base alla disponibilità, l’assegnazione è immediata. Occorre il libretto sanitario

RIFIUTI

Per registrarsi al nuovo comune in genere c’è tempo fino al 20 gennaio successivo, presentandosi presso l’ufficio preposto del Comune nel quale andrete a risiedere. Occorre sapere con precisione metratura e numero vani della nuova abitazione, comprensivi di garage, verande e solai. Ricordatevi di dare disdetta al comune per la vecchia abitazione

TASSE

È necessario recarsi di persona oppure inviare una lettera raccomandata a/r all’Ufficio Imposte. La variazione sarà effettiva 60 giorni dopo il ricevimento della lettera

TELEFONIA

Avvisate il gestore circa un mese prima del trasferimento. Le modalità variano da gestore a gestore.

VARIE ED EVENTUALI

In base ai servizi che avete sottoscritto o alle attività intraprese, potrebbe essere necessario avvertire o variare: abbonamenti a riviste, banche, canone televisivo, polizze assicurative, condominio, datore di lavoro, istituti scolastici, asili e posta.

VOLTURE CHE AVVENGONO AUTOMATICAMENTE O AL MOMENTO DEL RINNOVO

Carta d’identità (al momento del rinnovo); libretto di lavoro; patente di guida; passaporto; porto d’armi (al momento del rinnovo); ufficio elettorale; ufficio leva.